Una madre felice è necessariamente una donna felice. Il Paradosso. Post provocatorio.

Liberamente ispirato al libro:

Elisabeth Badinter, MAMME CATTIVISSIME? La madre perfetta non esiste, Casa editrice Corbaccio.

Collana: Dalla parte delle donne

paradosso [pa-ra-dòs-so] s.m. Proposizione che per forma o contenuto si oppone all’opinione comune o all’esperienza quotidiana, riuscendo perciò sorprendente o bizzarra.

Ho da poco finito di leggere un nuovo libro, molto interessante. Elisabeth Badinter ripercorre mezzo secolo di storia dell’emancipazione femminile cercando di capire se esiste veramente quell’istinto materno che oggigiorno tanto viene esaltato e pubblicizzato da televisione, pubblicità, saggi e manuali pratici. Immagini paradisiache sulla maternità che non dicono una parola sul rovescio della medaglia.

La maternità è tuttora considerata come la più importante realizzazione della donna, pur essendo svalutata socialmente. Non sarà che, per ragioni di convenienza, nelle fasi di crisi economica, come questa, vien più “utile” veicolare l’immagine di una donna che si realizza solo in quanto madre?

Non tutte le donne sono nate per essere madri. Essere madri è una scelta. E come ogni scelta presuppone delle attente riflessioni. Prima, durante e dopo il parto.

Mettere al mondo un figlio è un impegno a lungo termine che implica dare a lui la priorità. e’ la decisione più sconvolgente che un essere umano è condotto a prendere nel corso della propria vita. […] eppure, prima di prendere la decisione, sono rare le donne (e le coppie) che si dedicano lucidamente al calcolo dei piaceri e delle pene, dei benefici e dei sacrifici. Al contrario, sembra che una sorta di alone illusorio veli la realtà della maternità. La futura madre fantastica esclusivamente sull’amore e sulla felicità.

  1. La maternità aggrava l’ineguaglianza all’interno della coppia. Perlomeno all’inizio della vita di coppia, perché l’arrivo di un figlio appesantisce notevolmente le ore domestiche della donna, mentre l’uomo, in quanto padre, investe maggiormente nella carriera professionale.
  2. Per il bambino, il migliore dei padri è quello che ama e protegge…la mamma. Bisogna smettere di volere ad ogni costo convertire padri in sostituti della madre. Il ruolo di padre è di proteggere la madre, di valorizzarla in quanto madre e in quanto donna. Il padre è presente durante i primi mesi per alleggerire la madre dai lavori domestici, per giocare con il bambino, reintrodurre la donna alla propria femminilità […] offrire un mazzo di fiori, accudire il bambino mentre la madre è dal parrucchiere, dirle quanto la trova bella…
  3. L’idea che un figlio rafforzi il legame di coppia è da tempo confutata. I figli interferiscono nel dialogo tra genitori, e rendono spesso difficile i tete-a-tete necessari alla coppia. Dal momento che la coppia è fondata sull’amore e la complicità, si nutre di questi ingredienti che presuppongono un minimo di intimità e di libertà.

Il desiderio di un figlio è stata per me un’emozione perfettamente irrazionale , difficile da spiegare. La lucidità è stata messa da parte per lasciare spazio alla maternità e poi all’incantamento. E’ stato il desiderio profondo e potente quasi intransigente, che mi ha portato al termine di questa gravidanza. Era unilaterale, irrevocabile, viscerale. Mi sono resa conto che questo primo desiderio di maternità non era il frutto di una riflessione. Si è realizzato d’istinto. Niente e nessuno potrà mai rivaleggiare con questo amore. Ma il mio appagamento non si compie solo attraverso il rapporto esclusivo con questo bambino, nella gioia e nella fierezza di aiutarlo nello sviluppo, per vederlo un giorno un adulto pienamente realizzato.

Quante donne che hanno deciso di lasciare il lavoro per allevare un figlio si rendono conto di essersi sbagliate?

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Una madre felice è necessariamente una donna felice. Il Paradosso. Post provocatorio.

  1. Credo siano molte…..il fatto e’ che non dovremmo essere poste davanti a una scelta così drastica. Ci vorrebbe meno ipocrisia, più informazione, più flessibilità a saremmo tutti più contenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...