porzione di destino condiviso

Abbiamo imparato ad amarla insieme. Ci ha sorpreso, spaventato, commosso. Ci ha unito, ribadendo la nostra scelta. Perché se dapprima tu eri solo la scelta per me, poi sei divenuto l’eletto a padre di mia figlia, e io sono divenuta per te la madre di tua figlia. Un’onoreficienza altissima. Implica una stima e una fiducia esclusive.

Eppure siamo arrivati a questo punto. […] Vorrei un po’ di pace, invece mi rendo conto che la fatica vera deve ancora arrivare: c’è da decidere, da comprendere, da elaborare, e contemporaneamente bisogna vivere, lavorare, parlare d’altro.

[…]

Sai, con il tempo sono giunta a fare un’ipotesi: ci sono storie che portano con sé fin dall’inizio il loro esito. Alcune sono destinate a fermarsi dopo un tratto più o meno lungo, perché le due parti della coppia hanno differenze che possono reggere solo fino a un certo punto. Sono coppie, queste, formate da persone destinate ad accompaganarsi per un poco e poi lasciarsi andare, oppure trovare un’altra via per continuare un sentimento che è cambiato. Ma guai se per paura alla fine decidono di non iniziare nemmeno! Quella porzione di destino condiviso va vissuta.

  Daniela De Prato, Il sole negli occhi, Ed.Tea

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...