Mi fermo qui

Non posso negare che sia un uomo affascinante per mille ragioni. Così come non ignoro il tuo amore per lui né lo sottovaluto.

Ma non ci sono verità assolute, non è mai tutto nero o tutto bianco.

E se tu avessi provato ad amare il vero [XXX] e non quel vichingo etereo che la tua immaginazione si era costruita, avrei ancora più rispetto per la tua devozione. Se proprio dovevi perderti per lui, dovevi farlo almeno per l’uomo in carne ed ossa, non per quello che i tuoi occhi annebbiati avevano contraffatto.

Per l’uomo che non ha voluto saperne di compromessi, che si è crogiolato nel suo dolore senza muovere un dito per venirne fuori, per l’uomo che continua a scappare, vile, che non è stato capace di stare al tuo fianco quando ne avevi più bisogno. Dissanguarti per quest’uomo che non conosce la parola amore. Non la conosce […]. Conosce solo il gioco dell’essere o non essere, come un’isterica di bassa lega. Ecco chi è il tuo uomo, che ogni tanto sfodera quella terribile smorfia sulle labbra. Un uomo tutto fumo e niente arrosto. Un uomo che se ne sta rintanato tra i suoi libri e la sua musica, pedante, perché non ha le palle per vivere lontano da quelli. Un uomo che non ti ha amato.

Vuoi che vada avanti o mi fermo qui?

iltempodiblanca
(Marcela Serrano – “Il tempo di Blanca”)

Post Divider-Design K_

Annunci